Birrificio Pavese | birrificio
18859
page,page-id-18859,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-2.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.5.2,vc_responsive

Persone con la voglia di innovare

Alta qualità della produzione, attenzione ai dettagli: da qui prende avvio l’impresa del Birrificio Pavese. Nasce nel 2012 a Pavia dalla determinazione di un solo uomo… che lascia un lavoro da tecnico informatico per seguire la sua passione per la birra. La crisi dell’economia internazionale l’abbiamo affrontata così: con ottimismo e ostinazione.

12

diverse linee

500

hl prodotti nel 2014

11

hl in cantina al mese

Scegliamo tutto ciò che non è industriale

Il nostro è un prodotto di nicchia, realizzato in piccoli lotti, sperimentando di giorno in giorno, di anno in anno… a partire dalle materie prime per la realizzazione di una bevanda viva e sorprendente.

Parliamo di birra con metodo artigianale…
scelta delle materie prime ‘globale’: in che senso?

Non quello che conviene di più ma quello che è migliore per la produzione. Dicendo artigianale hai già detto tutto… ma oggi sembra scontato e perfino banale. In molti oggi producono birra artigianale.

Un falegname parte dal legno… usa una sega, una pialla… impiegando tempo e risorse per la realizzazione di un prodotto unico. E così un birraio artigianale realizza un prodotto diverso di anno in anno, seguendo le sue inclinazioni e le sue curiosità.

A volte cerchi la felicità dappertutto e poi la trovi in frigo... fredda, da 33 e 75 cl.

(Anonimo)

Non milioni di ettolitri…ma poche centinaia. Questo vuol dire certamente cura del prodotto e passione perché il ritorno economico conseguente alla produzione in piccoli lotti non può mai essere paragonabile a quello industriale.

Ma allora il km zero?

Un prodotto di qualità si fa con materie prime di qualità.
I chilometri? A nostro parere è corretto parlare di chilometro zero per la trasformazione e la distribuzione

La luce alla birra fa male…

Scegliere una bottiglia trasparente e limpida è senz’altro una scelta perfetta per centrare un obiettivo: il cliente.
Scegliere una bottiglia scura e pesante (quindi antieconomica) è una scelta perfetta per centrare un altro obiettivo: la qualità della birra.